PREMESSA

Il patrimonio di competenze tecniche, posseduto dai pensionati o dai lavoratori prossimi alla fuoriuscita dal mercato del lavoro, ma che hanno contribuito a mantenere elevati gli standard qualitativi dell’artigianato made in Italy, deve essere mantenuto attraverso il recupero e la diffusione della cultura e del valore del sapere artigianale. Il trasferimento di competenze alle giovani generazioni costituisce, infatti, un’irrinunciabile opportunità per il rilancio di un settore fondamentale della nostra economia, purtroppo oggi in continuo e progressivo calo.
La trasmissione del know how posseduto dai maestri artigiani costituisce un passaggio da agevolare, supportare e governare con un’appropriata programmazione e gestione del ricambio generazionale.


REGISTRATI

PROGETTO ARTIBUS

ARTIBUS è un progetto finanziato dalla Regione Veneto con risorse del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali

Associazione proponente:
Augusta Contrada di Marendole

Durata del progetto:
12 mesi

Obiettivi:
1) Sviluppare percorsi di inclusione socio-lavorativa e di integrazione delle comunità;
2) Contrastare le solitudini involontarie specie nella popolazione anziana attraverso iniziative e percorsi di coinvolgimento attivo e partecipato;
3) Favorire lo sviluppo sociale e accessibile.

Attività:
Recupperare e valorizzare la manualità legata ai vecchi mestieri e trasferire il Know How delle attività tradizionali del territorio alle nuove generazioni per incrementare l'occupazione attraverso un percorso di integrazione sociale
Azione: Attivare Laboratori di arti e mestieri

Attività:
Promuovere la partecipazione degli anziani presenti sul territorio individuato in qualità di tutor e docenti
Azione: Cooperare con le realtà locali per individuare volontari

Attività:
Rendere attrattivo il centro storico attraverso la promozione di un marketing territoriale legato all’artigianato delle botteghe artigianale.
Azione:  Identificare i prodotti realizzati allinterno dei laboratori per creare una strategia di commercializzazione idonea attraverso consulenze mirate.
Risultati attesi: Il percorso offerto nella sua flessibilità e semplicità avrà un importante impatto perché coniugherà la riscoperta degli antichi mestieri tradizionali che hanno rappresentato lo scheletro dell’economia italiana  e del made in Italy  con le nuove tecnologie e i nuovi canali di comunicazione e marketing puntando sulle peculiarità del territorio dei comuni coinvolti  e della loro storia.
Il risultato previsto sarà quello di coinvolgere almeno cinque anziani coinvolti nel percorso di crescita professionale dei disoccupati.
Si prevede che i partecipanti al termine dei laboratori abbiano acquisito competenze necessarie per la realizzazione dei manufatti e che abbiano ottenuto tutte le competenze per la vendita in loco o on line.

Costo complessivo del progetto: 20.300,00 euro

Finanziamento regionale: 15.225,00 euro

LO SCOPO di LABOR ARTIBUS

1
Recuperare e valorizzare la manualità legata ai vecchi mestieri e trasferire il know how delle attività tradizionali del territorio alle nuove generazioni
2
Favorire il passaggio generazionale e incentivare opportunità di lavoro per le nuove generazioni;
3
Promuovere l’artigianato locale tradizionale realizzato grazie alla collaborazione dei maestri artigiani di Monselice e delle nuove generazione;
4
Valorizzare e rendere attrattivo il centro storico di Monselice anche attraverso la riscoperta delle botteghe artigiane.

Nell’era delle sfide globali, i mestieri tradizionali rappresentano un’importantissima risorsa locale, da valorizzare e rendere accessibile a tutti coloro che, giovani o meno giovani , sono in cerca di una occupazione.

L’obiettivo centrale dell’azione è creare lavoro mediante l’avvicinamento delle nuove generazioni ad attività con elevato contenuto di manualità, con un alto potenziale di innovazione e creatività ed a bassissimo costo di avviamento.

Inoltre, il progetto si pone come ulteriore obiettivo quello di riscoprire e rilanciare l’artigianato locale tradizionale che spesso muore perché non ha più addetti e che potrebbe, se adeguatamente promosso, valorizzato e inserito in un circuito cittadino virtuoso, rappresentare il traino economico e culturale per la cittadinanza monselicese.

I dati ufficiali, raccolti dalle Camere di Commercio, confermano la grande opportunità per i giovani e per i disoccupati di occuparsi degli antichi mestieri quali coltivatore, il panettiere, il fabbro, il falegname, la sarta etc.
Tali settori generano in Italia un business da oltre 30 miliardi di euro e hanno un potenziale di crescita e sviluppo.
Puntando sulla planetaria attenzione per l’italian style, il progetto offre un semplice strumento per attivare all’interno del comune di Monselice, quale borgo antico con centenarie tradizioni, la riscoperta di prodotti artigianali del territorio da offrire ai turisti e ai consumatori, grazie alla collaborazione intragenerazionale.

CHI CERCHIAMO?

sinlabor-logo-trasparente